Apogeo - 2014

Cittadinanza, amicizia, comunità, fiducia, economia del dono sono parole chiave che dovrebbero orientare il nostro tempo. Parole che rischiano, come molte altre prima e dopo di esse, di cadere in un doppio luogo comune: l’appello retorico, puramente sentimentale a “fare del bene” da un lato e ciò che proprio il cardinale Scola chiama “la solidarietà come maquillage del capitalismo, come “etichetta” per sdoganare con l’inganno un modello economico”. Attraverso un’ampia rilettura di termini e concetti centrata sul nesso “amicizia-virtù civiche”, il volume propone una ricognizione sul senso, la necessità e le forme di ciò che già Hannah Arendt chiamava ‘vita activa’ e sulla necessità di “allargare la ragione politica, economica, culturale attraverso la logica del dono, del gratuito”. “Il gratuito” scrive Scola, “non è ciò che è gratis. In una polis e nelle comunità che la compongono, gratuità significa pensare, fare, realizzare un’opera perché è buona in sé, perché è bella in sé. Anteponendo il valore oggettivo dell’opera in sé e per sé all’utile o all’interesse che se ne può ricavare. L’utile e l’interesse hanno certo la loro importanza, ma prima viene la cosa in sé. La ‘philia’ e il buon governo fioriscono da questa dimensione gratuita del civile, del sociale, del politico, del culturale.”

Acquista