Tag Archives: Primo Piano

Speranza e bellezza: intervento di apertura della Settimana di Grosseto “I volti della speranza”

Il cardinale Angelo Scola, arcivescovo emerito di Milano, che ha guidato la Chiesa di Grosseto, come suo pastore, dal 1991 al 1995 ha aperto la “Settimana della bellezza 2017” con l’intervento che qui pubblichiamo, tenuto in cattedrale sabato 21 ottobre sul tema “Speranza e bellezza”.
Al termine dell’intervento ha presieduto la Messa prefestiva delle 18.
Nel primo pomeriggio il Cardinale è stato l’ospite d’onore, presso il Seminario, di una iniziativa per il ventennale dei licei paritari Chelli, di cui egli fu l’ispiratore dopo aver avviato la scuola media Madonna delle Grazie.

IL TESTO DELL’INTERVENTO >>

Scola: «In questi anni ho visto brillare la speranza, suscitata dall’incontro con Cristo»

Venerdì 8 settembre, in Duomo, il cardinale Angelo Scola ha presieduto la celebrazione del Pontificale nella Solennità della Natività della Beata Vergine Maria. In questa sua ultima celebrazione la Chiesa ambrosiana ha espresso la propria gratitudine per i suoi 6 anni di episcopato sulla cattedra di Ambrogio.

Omelia >>

 

«Il Ministero è un essere presi a servizio»

«Caffarra, amico carissimo che si è sempre mosso con retta intenzione e per il bene della Chiesa»

Pubblichiamo il messaggio che il cardinale Angelo Scola, Amministratore apostolico della Diocesi di Milano, ha inviato giovedì 7 settembre a monsignor Matteo Zuppi, Arcivescovo di Bologna, in segno di partecipazione al dolore della Chiesa felsinea per la morte del suo Arcivescovo emerito, cardinale Carlo Caffarra, avvenuta mercoledì 6 settembre. Il messaggio è stato inviato anche al Gran Cancelliere, al Preside, ai Professori e agli Studenti di tutte le Sezioni del Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per studi su matrimonio e famiglia (fondato dal cardinale Caffarra).

Eccellenza Reverendissima,
nell’impossibilità di partecipare personalmente alle esequie, voglio far giungere, nella preghiera e nell’affetto, a Lei, alla Chiesa di Bologna e di Ferrara, alle sorelle Annamaria e Norma e ai familiari, le mie condoglianze in occasione della dipartita del carissimo amico Cardinal Carlo Caffarra.

La Provvidenza mi ha concesso di lavorare a stretto gomito con lui per molti anni. All’Istituto Giovanni Paolo II, alla Congregazione per la Dottrina della Fede, nel contesto della Conferenza Episcopale Italiana. Ho così imparato a conoscerlo, ammirandone la profondità e radicalità di vita cristiana – impressionante il suo modo di celebrare l’Eucaristia -, la disponibilità al dialogo con chiunque glielo chiedesse, soprattutto con le famiglie provate e con i giovani confusi circa il cammino affettivo.

Era inoltre sotto gli occhi di tutti la sua competenza teologica e canonistica, alimentata alle fonti dirette della sacra dottrina e, con particolare gusto, alla letteratura e alla musica. Straordinaria e sempre molto ammirata dagli studenti la sua capacità di insegnamento. Rigoroso e chiaro, anche sulle questioni più complesse e delicate.

Soprattutto, come ha mostrato lungo gli anni del suo ministero episcopale, la sua personalità sacerdotale si è rivelata nel suo costante tentativo di ricondurre la predicazione e il magistero all’essenziale: Gesù Cristo vivo e presente, perché incarnato, nella realtà attuale.

Franco e leale nelle sue prese di posizione, senza timore alcuno delle conseguenze, si è sempre mosso con retta intenzione e per il bene della Chiesa. Ritenuto dai più solo un intellettuale, ha sorpreso tutti lungo il suo ministero episcopale a Ferrara e a Bologna per la sensibilità e la calda apertura nei confronti di tutti i fedeli e per la passione al paragone chiaro, ma rispettoso verso la società civile e le sue istituzioni.

Il Cardinal Caffarra lascia un vuoto non solo nella Chiesa italiana. Ma noi, che viviamo nella speranza certa di rivederlo nell’altra riva, siamo convinti che don Carlo non cesserà di accompagnarci nel cammino terreno che ancora ci resta.

Lo affidiamo alle braccia misericordiose del Padre.

Con i sensi del vivo affetto collegiale

+ Angelo Card. Scola
Amministratore apostolico

«L’esempio del cardinale Dionigi Tettamanzi ci interroghi sulla qualità della nostra fede»

Martedì 8 agosto sono stati celebrati in Duomo i funerali del Cardinale Tettamanzi, presieduti dal cardinale Angelo Scola e concelebrati tra gli altri da mons. Mario Delpini. Erano presenti, tra gli altri, i cardinali Gualtiero Bassetti (presidente Cei e arcivescovo di Perugia), Severino Poletto (arcivescovo emerito di Torino), Angelo Bagnasco (arcivescovo di Genova), Edoardo Menichelli (amministratore apostolico di Ancona), Giuseppe Betori (arcivescovo di Firenze), Gianfranco Ravasi (presidente Pontificio Consiglio della Cultura).

Il testo dell’omelia >>

Scola ricorda monsignor Citterio: «Lavoratore instancabile, prete ambrosiano fino al midollo»

Lunedì 31 luglio nel Santuario della Beata Addolorata di Rho sono stati celebrati i funerali di monsignor Giampaolo Citterio, vicario episcopale della Diocesi di Milano per la Zona IV di Rho. A presiedere le esequie è stato l’amministratore apostolico, il cardinale Angelo Scola.

Giampaolo Citterio, 75 anni, si è spento all’alba di venerdì 28 luglio per una grave malattia. Nato a Carugo (Como) il 22 febbraio 1942, originario di Santa Maria del Cerro a Cassano Magnago (Varese), era stato ordinato sacerdote il 28 giugno 1966 dal cardinale Giovanni Colombo. Nello stesso anno aveva conseguito la licenza in Teologia. Vicario parrocchiale a Sant’Ambrogio nel 1966, nel 1981 era diventato parroco a Vighignolo. Dal 1987 al 1996 era stato parroco della parrocchia di San Domenico a Legnano dove era stato anche decano, poi parroco di San Vittore a Rho e decano. Nel 2011 il cardinale Tettamanzi lo aveva nominato vicario episcopale per la zona IV di Rho.

 

«Monsignor Tremolada Vescovo di Brescia, un guadagno di comunione per tutti i fedeli»

Nella cappella arcivescovile della Curia di Milano, mercoledì 12 luglio, il card. Angelo Scola, Amministratore apostolico dell’Arcidiocesi di Milano, ha annunciato che il Santo Padre Francesco ha nominato mons. Pierantonio Tremolada nuovo Vescovo di Brescia.

«Con la nomina di S. E. Mario Delpini il Santo Padre ha fatto un grande dono alla Chiesa di Milano»

Venerdì 7 luglio, nella Cappella arcivescovile della Curia di Milano, il cardinale Angelo Scola ha annunciato la nomina, da parte di papa Francesco, di monsignor Mario Delpini come nuovo Arcivescovo di Milano. Pubblichiamo il testo e il video del saluto del Cardinale. Il video dell’annuncio.

Il testo integrale >>

 

«Perseguite con indomabile umiltà un’esistenza eucaristica»

Sabato 24 giugno, nella Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma, l’Arcivescovo di Milano, cardinale Angelo Scola, ha presieduto le Ordinazioni presbiterali e diaconali della Fraternità sacerdotale dei Missionari di San Carlo Borromeo.

Pubblichiamo la sua omelia >>

«Chiamati a vivere il lavoro quotidiano come mezzo decisivo per annunciare Cristo»

Lunedì 26 giugno, in occasione della festa liturgica di San JoseMaría Escrivá de Balaguer, l’Arcivescovo di Milano, cardinale Angelo Scola, ha presieduto in Duomo una celebrazione eucaristica in onore del prelato fondatore dell’Opus Dei, che Giovanni Paolo II beatificò nel 1992 e canonizzò nel 2002.

Omelia dell’Arcivescovo >>