Archive | Primo Piano

«L’esempio del cardinale Dionigi Tettamanzi ci interroghi sulla qualità della nostra fede»

Martedì 8 agosto sono stati celebrati in Duomo i funerali del Cardinale Tettamanzi, presieduti dal cardinale Angelo Scola e concelebrati tra gli altri da mons. Mario Delpini. Erano presenti, tra gli altri, i cardinali Gualtiero Bassetti (presidente Cei e arcivescovo di Perugia), Severino Poletto (arcivescovo emerito di Torino), Angelo Bagnasco (arcivescovo di Genova), Edoardo Menichelli (amministratore apostolico di Ancona), Giuseppe Betori (arcivescovo di Firenze), Gianfranco Ravasi (presidente Pontificio Consiglio della Cultura).

Il testo dell’omelia >>

Scola ricorda monsignor Citterio: «Lavoratore instancabile, prete ambrosiano fino al midollo»

Lunedì 31 luglio nel Santuario della Beata Addolorata di Rho sono stati celebrati i funerali di monsignor Giampaolo Citterio, vicario episcopale della Diocesi di Milano per la Zona IV di Rho. A presiedere le esequie è stato l’amministratore apostolico, il cardinale Angelo Scola.

Giampaolo Citterio, 75 anni, si è spento all’alba di venerdì 28 luglio per una grave malattia. Nato a Carugo (Como) il 22 febbraio 1942, originario di Santa Maria del Cerro a Cassano Magnago (Varese), era stato ordinato sacerdote il 28 giugno 1966 dal cardinale Giovanni Colombo. Nello stesso anno aveva conseguito la licenza in Teologia. Vicario parrocchiale a Sant’Ambrogio nel 1966, nel 1981 era diventato parroco a Vighignolo. Dal 1987 al 1996 era stato parroco della parrocchia di San Domenico a Legnano dove era stato anche decano, poi parroco di San Vittore a Rho e decano. Nel 2011 il cardinale Tettamanzi lo aveva nominato vicario episcopale per la zona IV di Rho.

 

«Monsignor Tremolada Vescovo di Brescia, un guadagno di comunione per tutti i fedeli»

Nella cappella arcivescovile della Curia di Milano, mercoledì 12 luglio, il card. Angelo Scola, Amministratore apostolico dell’Arcidiocesi di Milano, ha annunciato che il Santo Padre Francesco ha nominato mons. Pierantonio Tremolada nuovo Vescovo di Brescia.

«Con la nomina di S. E. Mario Delpini il Santo Padre ha fatto un grande dono alla Chiesa di Milano»

Venerdì 7 luglio, nella Cappella arcivescovile della Curia di Milano, il cardinale Angelo Scola ha annunciato la nomina, da parte di papa Francesco, di monsignor Mario Delpini come nuovo Arcivescovo di Milano. Pubblichiamo il testo e il video del saluto del Cardinale. Il video dell’annuncio.

Il testo integrale >>

 

«Perseguite con indomabile umiltà un’esistenza eucaristica»

Sabato 24 giugno, nella Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma, l’Arcivescovo di Milano, cardinale Angelo Scola, ha presieduto le Ordinazioni presbiterali e diaconali della Fraternità sacerdotale dei Missionari di San Carlo Borromeo.

Pubblichiamo la sua omelia >>

«Chiamati a vivere il lavoro quotidiano come mezzo decisivo per annunciare Cristo»

Lunedì 26 giugno, in occasione della festa liturgica di San JoseMaría Escrivá de Balaguer, l’Arcivescovo di Milano, cardinale Angelo Scola, ha presieduto in Duomo una celebrazione eucaristica in onore del prelato fondatore dell’Opus Dei, che Giovanni Paolo II beatificò nel 1992 e canonizzò nel 2002.

Omelia dell’Arcivescovo >>

«Cerchiamo gli uni negli altri il bene che Dio semina»

Pubblichiamo il Messaggio dell’Arcivescovo ai fedeli e ai responsabili delle comunità islamiche a Milano e in Diocesi: «Invito i cristiani ad aumentare le occasioni di incontro e le iniziative in comune, avendo come obiettivo la pace e la cura del mondo»

 

Cari fedeli Musulmani,
vi invio questo mio saluto nel giorno in cui chiudete, con una grande festa, il mese sacro di Ramadan. Troverete allegato il Messaggio del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso, che ricorda come questo sia il cinquantesimo che la Chiesa cattolica vi manda per questa occasione. Si è creata una bella tradizione di dialogo che intendo sostenere e incoraggiare, trasmettendovi i miei più fervidi auguri, ma soprattutto invitando i fedeli cristiani ad aumentare le occasioni di incontro e le iniziative in comune, avendo come obiettivo la pace e la cura del mondo, la nostra casa comune, come ci ricorda Papa Francesco.

C’è un passo del Corano che ha risvegliato in me echi molto forti, legati alla mia tradizione cristiana: «Gareggiate nelle opere buone» (Sura 5,48). Nelle nostre Sante Scritture l’apostolo Paolo ha un’affermazione simile: «Gareggiate nello stimarvi a vicenda» (Rm 12,10). E subito dopo incalza aggiungendo: «Non siate pigri nello zelo». Siamo invitati dalle nostre fedi a cercare gli uni negli altri il bene che Dio semina e a farlo fruttificare. Per poter eseguire questo compito servono concentrazione, contemplazione (capacità di sguardo), solidarietà. Tutte attitudini che si conquistano con una preghiera intensa e una vita disciplinata.

Il mese di Ramadan vi sta donando questi frutti. Abbiamo bisogno di comunicare la loro bellezza nel mondo in cui viviamo, per poter compensare e guarire le conseguenze del peccato degli uomini: violenze, guerre, carestie, migrazioni, inquinamento, tristezza, perdita della speranza e, soprattutto, del rapporto con Dio. Risponderemo così alla sete di vita, felicità, verità e bene che, soprattutto i giovani, mostrano di avere. Vorrei che gli incontri e i dialoghi avviati tra le nostre parrocchie e associazioni e i vostri centri culturali e di preghiera avessero questo esito.

Proseguiamo ciascuno il proprio cammino di fede, approfondendo quella relazione con Dio che porta come dono la pace a ciascuno e a tutta la famiglia umana.

Con questo pensiero augurale desidero, anche quest’anno, raggiungere tutte le vostre comunità, a nome di tutti i fedeli cattolici della Diocesi ambrosiana.

In un atteggiamento di preghiera e di stima, vi saluto

Milano, 25 giugno 2017

 

«La Comunità pastorale sia radice della comunione che prevale su ogni divisione»

Sabato 17 giugno l’Arcivescovo ha presieduto la celebrazione eucaristica vigiliare nella parrocchia di Sant’Anastasia per l’inaugurazione simbolica della Comunità pastorale che nascerà a settembre.

Scola al Corpus Domini: «Con umiltà portare a tutti la bellezza di questo gesto»

Giovedì 15 giugno, alle ore 20, nella Basilica di San Lorenzo Maggiore (corso di Porta Ticinese 39), l’Arcivescovo di Milano, il cardinale Angelo Scola, ha celebrato la Messa per la solennità del Corpus Domini. Al termine, il Cardinale ha guidato la Processione fino in Duomo.
L’Arcivescovo ha tenuto tra le mani un prezioso ostensorio ambrosiano con all’interno il Santissimo Sacramento e, seguito dai fedeli, ha percorso le vie del centro cittadino passando per San Lorenzo, San Giorgio al Palazzo e San Satiro.

«Chiamare con lo stesso nome l’uomo-bomba e il martire genera confusione»

Mercoledì 14 giugno l’arcivescovo di Milano, cardinale Angelo Scola, è intervenuto in Bicocca a un dibattito organizzato dal Centro pastorale “Carlo Maria Martini”, in occasione della presentazione del suo ultimo libro “Postcristianesimo? Il malessere e le speranze dell’Occidente” , edito da Marsilio. A dialogare con Scola, Salvatore Carrubba (giornalista e docente universitario), il filosofo Mario Vergani, Guido Veronese (psicoterapeuta in contesti di violenza e di guerra), Enrico Corno (studente di Medicina) e Lubna Ammoune, giornalista musulmana di origini siriane.