From The Blog

“Spendere la propria vita per il bene della Chiesa è il grande dono che il Risorto non cessa di farci”. Il saluto a Mons. Beniamino Pizziol

VENEZIA - Il saluto del Patriarca a Mons. Beniamino Pizziol, Vescovo eletto di Vicenza, pronunciato in occasione della Santa Messa di congedo...

VENEZIA – Qui, il saluto del Patriarca a Mons. Beniamino Pizziol, Vescovo eletto di Vicenza, pronunciato in occasione della Santa Messa “di congedo” tenutasi mercoledì 1 giugno nella Basilica di San Marco.

Alla celebrazione, presieduta dallo stesso Mons. Pizziol, erano presenti, insieme al Patriarca card. Angelo Scola ed al Patriarca emerito card. Marco Cè, anche i sacerdoti, i diaconi, i religiosi/e, i fedeli laici, le associazioni e i movimenti, le autorità civili e religiose.

Angelo Scola

+ Patriarca di Venezia

Nel secondo volume Gesù di Nazaret Benedetto XVI, parlando dell’Ascensione di Gesù al cielo, fa riferimento a una notazione contenuta nel Vangelo di Luca. Gli Apostoli «si prostrarono davanti a Lui; poi tornarono a Gerusalemme con grande gioia» (Lc 24,53). Questa conclusione, continua Benedetto XVI, ci stupisce. Ci aspetteremmo il contrario: «che essi fossero rimasti sconcertati e tristi» perché Gesù se n’era definitivamente andato. Insiste il Papa. «Ogni addio lascia dietro di sé un dolore». Come facevano allora i Suoi ad essere in una grande gioia? «Non si sentirono abbandonati». Sono certi che «il Risorto è presente in mezzo a loro in una maniera nuova e potente».

La reazione degli Apostoli di fronte all’Ascensione di Gesù mi ha aiutato a meglio situare il gesto che abbiamo compiuto. Sua Eccellenza Monsignor Beniamino Pizziol ci lascia per assumere l’oneroso compito di Vescovo di Vicenza. Certo la sua non è una partenza definitiva da questo mondo. Non Gli mancheranno anche in futuro legami di comunione e di fraternità con noi. E tuttavia, se siamo risorti con Cristo, come dice Paolo ai Colossesi, dobbiamo abituarci a vivere ogni avvenimento della nostra vita terrena come un segno che manifesta efficacemente la vita definitiva, l’eternità. In questo senso la partenza di Don Beniamino riceve dalla fede la sua vera luce.

Perché vive il cristiano? Perché un uomo aderisce alla chiamata al sacerdozio ministeriale e vi spende la sua esistenza? Perché ha incontrato e fa esperienza di Gesù Risorto che si rivela, col passare degli anni, il vero centro affettivo della sua vita. Gesù Risorto è la luce che dà colore ad ogni cosa e spazza via, passo dopo passo, ogni lato ombroso della nostra esistenza. Gesù Risorto dà un senso alle gioie e ai dolori di cui ogni vita umana è fatta. Apre un cammino che rende sicuro il passo dell’uomo, nonostante le sue fragilità e contraddizioni, perché gli offre un significato e una direzione carichi di certezza.

La partenza del carissimo Don Beniamino diventa così per me, ma sono certo per tutti i fedeli e gli abitanti del Patriarcato, un motivo di grande gioia. E lo è anche per lui. E questo non per mondane ragioni di carriera, ma in forza del dono che questa scelta del Santo Padre rappresenta. È un sacrificio per Sua Eccellenza partire. E lo è per noi lasciarlo andare. E tuttavia questo sacrificio è condizione feconda per comprendere in pienezza il dono che la Chiesa di Venezia ha ricevuto con questa nomina.

Sempre il dono domanda sacrificio perché ad esso si lega un compito. Aumenta pertanto la nostra responsabilità. In cosa consiste? Benedetto XVI ce lo ha detto a chiare lettere qui in questa Basilica: «Amata Chiesa che sei in Venezia! Imita l’esempio di Zaccheo e vai oltre». Nell’Omelia al parco di San Giuliano aveva già anticipato la risposta con l’invito: «Siate santi». Come si diventa santi? Affrontando con umile obbedienza al disegno di Dio il quotidiano in tutta la sua concretezza. La realtà, mano di Dio nella storia, diventa il tal modo il grande fattore educativo della nostra esistenza perché costituisce un permanente invito alla nostra libertà.

Questo invito ha sempre una componente di rischio. Infatti inesorabilmente il futuro ci sfugge e la realtà che ci chiede ospitalità ci costringe ad uscire da noi stessi verso gli altri. Ciò domanda un’attitudine permanente di confessione e di conversione. Se viviamo il passo chiesto alla Chiesa di Venezia e a quella di Vicenza, a tutti noi e a Don Beniamino compiendolo a questo livello di profondità che la fede ci consente, ne avremo sicuro beneficio. A ben vedere è un passo di amore. Di commozione certo, ma non di pura reazione emotiva, ma di vero amore, quello che comprende e testimonia che ama solo chi possiede nel distacco.

Con questo spirito rivolgo a te, Don Beniamino, a nome di tutti i fedeli, un intenso augurio. Spendere la propria vita per il bene della Chiesa è il grande dono che il Risorto non cessa di farci. Nello stesso tempo, è il modo più puro di amare i nostri fratelli uomini. Ed è, oltre tutto, la strada sicura della nostra realizzazione piena, cioè della nostra santità.

Buon cammino, carissimo!

Tags: